Fusione e raffinazione del piombo

giugno 17, 2016

Fusione e raffinazione del piombo

Cisterne di fusione e raffinazione del piombo

Questa parte dell’impianto riguarda la fornitura di una fornace rotativa e delle cisterne per sciogliere griglie e poli e pastello, per produrre leghe dure (Pb/Sb) e leggere.
L’impianto è progettato per lavorare 24 ore al giorno, di conseguenza è necessario/NON è necessario acquistare un doppio reparto di fusione.
Di seguito è indicato il sistema di produzione giornaliero completo.

DESCRIZIONE DEL PROCESSO

Il processo è basato sulla fusione di griglie e pastello all’interno della fornace rotativa in diversi momenti:

  • Pastello di piombo e fanghi di piombo (PbO, PbO2, PbSO4, PbCO3): per produrre lingotti di piombo leggero.
  • Griglie per produrre lingotti di piombo pesante. I lingotti di piombo leggero e pesante vengono raffinati nelle cisterne con le seguenti operazioni:
  • Rimozione del rame
  • Rimozione dello stagno/latta
  • Rimozione dell’antimonio
  • Raffinatura finale
  • Colata di 25 Kg di lingotti

Le scorie della fornace rotativa vengono smaltite.
Le ceneri di raffinazione e gli scarti vengono ricaricati sulla fornace rotativa.

Composizione:

  • Griglie e poli, fino a 37 MT al giorno, al 97% di purezza, umidità 2% +-
  • Pastello e fanghi fino a 57 MT al giorno, al 75% +- (si vedano le vostre analisi) di rendimento, 25% al 9% di umidità (filtropressata), circa 5% di zolfo.

Per ridurre i costi dell’impianto di fusione, forniamo inoltre una vasca di mescolamento e regolazione della densità del pastello, e la filtropressa. La nostra filtropressa può abbassare l’umidità fino al 9% massimo.
Questa unità è anche pronta per l’impianto di desolforazione (optional).